Un nuovo Dante per il 2021

Verona, 16 marzo 2021 - Annuncio nuova pubblicazione Colori e paesaggi danteschi di Francesca Favaro con le illustrazioni di Michele D’Aloisio, terzo volume a dorso della collana “ARISTODEMICA” di Poliniani / Al segno di Fileta.



Il 2021 è nato sotto una grande stella: il settecentenario dantesco!

Sono trascorsi settecento anni, infatti, da quando il nostro Sommo Poeta ha lasciato le sue spoglie mortali per raggiungere le sue amate stelle e perciò, la collana di divulgazione scientificaARISTODEMICA” non poteva esimersi dall’offrire il proprio omaggio con una nuova perla letteraria: Colori e paesaggi danteschi della dott.ssa Francesca Favaro, impreziosita dalle vibranti illustrazioni dell’artista Michele D’Aloisio.


Di cosa tratta?


“Il volume Colori e paesaggi danteschi propone alcuni ‘saggi lirici’ ispirati dall’opera dell’Alighieri: autentica opera-mondo, come tutti sanno, la cui stratificata profondità si traduce in potenza d’attrazione: inesauribile, e infinitamente varia, a seconda dei lettori. Questi saggi, a partire da una suggestione, un accostamento, uno spunto talora minimo – un ramo d’autunno rimasto nudo, una foglia smaltata di verde, il bianco delle neve… – si volgono a evocare ed esplorare alcuni tra gli infiniti paesaggi, della mente e del cuore, che le pagine di Dante riescono schiudere dinnanzi a noi, dentro di noi.”

Chi sono la prof.ssa Francesca Favaro e Michele D’Aloisio?


Francesca Favaro, dottore di ricerca in Filologia ed Ermeneutica italiana, nel 2014 e nuovamente nel 2019 ha conseguito l’Abilitazione Scientifica Nazionale (seconda fascia) per il S.S.D. 10/F1: Letteratura italiana. Insegna lettere (italiano, latino e greco) presso il Liceo Tito Livio di Padova e collabora con il Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell’Università di Padova. Particolarmente interessata al rapporto fra la letteratura italiana e le letterature classiche, ha pubblicato numerosi volumi e saggi su autori del Sette-Ottocento (Alessandro Verri, Monti, Cesarotti e Barbieri, Foscolo); si è inoltre occupata della fortuna di Saffo e di Anacreonte nei secoli; più di recente, ha esteso i suoi interessi di ricerca anche ad alcuni autori del Seicento e del Novecento. Collabora assiduamente con varie riviste letterarie.


Michele D’Aloisio (Termoli, 1982) pittore, disegnatore e incisore. Ha iniziato a muoversi nell’ambiente artistico romano durante la frequentazione dell’Accademia di Belle Arti. Ha preso parte a diversi eventi e mostre (personali e collettive), nel 2005 è stato selezionato come rappresentante di Roma per il “premio Nazionale delle Arti” (categoria arti grafiche), ha partecipato alla Primaverile romana (premio ARGAM 2005-2006) e alla biennale d’incisione di Monsummano Terme nonché premiato a diversi concorsi sempre d’incisione (Formello 2004-2005-2006). Entra nel mondo dell’editoria tra il 2006 e il 2007 iniziando a lavorare con Marcello D’Angelo (storico collaboratore di Andrea Pazienza). Da allora si occupa anche di illustrazione (tradizionale e digitale) per le più svariate realtà editoriali.

Attualmente vive a Termoli CB e insegna pittura, illustrazione e anatomia artistica.

Per celebrare al massimo l’evento dantesco, il volume sarà disponibile in due varianti: la copertina “luxury” creata da Michele D’Aloisio e la copertina “classica” della collana “ARISTODEMICA” nei colori arancione e nero.


Dove trovare Colori e paesaggi danteschi?


Le copie sono disponibili sul sito Poliniani (link), in cui potrete trovare anche le prime pagine in anteprima e il trailer del libro.

Buona lettura e a tutto Dante!

La Redazione Poliniani

Poliniani è la realtà editoriale che nel 2015 ha inventato QUART: il formato di libro senza dorso, l'unico che rende le pagine interattive.


Oggi Poliniani lavora costantemente per fare in modo che l'editoria e la comunicazione siano sempre più di qualità e sostenibili dal punto di vista ambientale: ecco perché utilizza solo carte FSC di altissimo livello e progetta in un'ottica di efficientamento.


L'editoria e la comunicazione fanno parte di un ecosistema di cultura e persone. Lavoriamo insieme per renderlo sempre migliore.